Bergamaschi vince le due giornate di Terre di Predappio

Gianpaolo Bergamaschi

È stato Gianpaolo Bergamaschi (BMW) a siglare due volte il miglior tempo assoluto nel fine settimana di Predappio. Al secondo posto si sono piazzati nella tappa di sabato Vittorio Veggetti, alla guida di una bicilindrica gemella di quella del capofila, e la domenica Emanuele Gatti (Honda Dominator).
Sul terzo gradino del podio assoluto in entrambi i giorni il padrone di casa Giorgio Biserni che ha infilato un’altra grande prestazione con la sua Fantic Caballero 500. Roberto Rappuoli si è imposto nuovamente nella Open Sport Ospiti.

Appuntamento il 4 e 5 giugno con Terre di Predappio Scrambler

Dopo la bella prova doppia di inizio aprile a Pretoro, il Trofeo Scrambler FMI si prepara ad accendere i motori per un altro fine settimana di divertimento e competizione: tocca al Moto Club Predappio l’organizzazione del terzo e quarto appuntamento stagionale che prenderà il via nella omonima cittadina in provincia di Forlì-Cesena sabato 4 e domenica 5 giugno.

Un monomarca per le Royal Enfield Himalayan

trofeo royal enfield

Debutta in questa stagione 2022 il Trofeo Royal Enfield Himalayan; il monomarca è indetto dalla Valentino Motor Company S.p.A, distributore italiano Royal Enfield.
Tutte le gare del Trofeo Scrambler saranno valide per l’assegnazione di punteggio. I partecipanti al trofeo Royal Enfield Himalayan concorreranno anche per la classifica Maxienduro Monocilindrica ed Assoluta.

Il Trofeo 2021 si chiude dopo il terzo round. Premiazioni ad EICMA il 27 novembre

Con l’annullamento della quarta prova, prevista in origine per il 13 novembre in Sicilia, il Trofeo Scrambler FMI 2021 chiude la stagione con tre appuntamenti validi.
Matteo Romualdi (KTM 990) e Roberto Rappuoli (Honda XR600) sono quindi i vincitori rispettivamente delle classi Maxienduro Monociclindriche ed Open Sport Ospiti. Si affiancano ad Adelio Lorenzin (Fantic Caballero), campione assoluto e della Scrambler Heavy, e Nicola Medda (Honda Dominator) campione della Maxienduro Monocilindriche, entrambi già matematicamente con il titolo in tasca dopo la gara de L’Imponente.